Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Contrappunti #01 Marco Fusinato / Vettor Pisani

Data:

25/10/2018


Contrappunti #01 Marco Fusinato / Vettor Pisani

Mostra di arte contemporanea curata da Eugenio Viola

Progetto sviluppato dall’IIC di Melbourne, in collaborazione con il Perth Institute of Contemporary Arts (PICA) e l'IIC di Sydney.

Il ‘contrappunto’ è un termine che definisce l’arte di combinare una nota contrapposta all'altra (punctum contra punctum), in una o più melodie più o meno autonome tra loro. Per estensione, il termine "contrappunto" può essere utilizzato per definire qualsiasi elaborato artistico capace di restituire un racconto incentrato su temi, motivi o toni a contrasto, opposti, eppure complementari. Infatti, il potere evocativo dell’arte avvicina mondi diversi ritenuti lontani, rendendoli per incanto comuni e familiari.

Contrappunti è un progetto pluriennale, sviluppato attraverso una serie di mostre che intende per l’appunto contrapporre, per affinità o divergenza ed oltre ogni logica generazionale, la ricerca di alcuni tra i più interessanti artisti italiani con quella di altrettanti artisti australiani, il cui lavoro ed il cui modus operandi nascono e si relazionano a contingenze molto distanti da quelle che appartengono ai rispettivi contesti, con l’intento di evidenziare, oltre una supposta lontananza, fisica ma soprattutto culturale, nuove associazioni di pensiero, materializzate in occasioni espositive che sono, allo stesso tempo, occasioni di incontro e di discussione.

La mostra Contrappunti #01 rappresenta un dialogo fra le opere dell’australiano Marco Fusinato e dell’italiano Vettor Pisani.

fusinatoMarco Fusinato (Melbourne, 1964, dove vive e lavora) si è esibito in numerosi eventi in giro per il mondo: la 21esima Biennale di Sydney del 2018; la 56esima Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia del 2015; “Soundings: A Contemporary Score”, ovvero la prima mostra musicale al mondo al MoMa di New York, nel 2013; la 30esima Biennale di San Paulo del 2012; la prima Biennale Kochi-Muziris in India nel 2012; la 12esima Biennale d’Arte Australiana di Adelaide; al Centro de Arte Dos de Mayo, CA2M di Madrid nel 2010; Kunsthalle Düsseldorf e il Museo di Malmö in Svezia nel 2009; MCA, ovvero il Museo di Arte Contemporanea di Sydney nel 2008; Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco nel 2006; Australian Centre for Contemporary Art di Melbourne nel 2006; Art Gallery del New South Wales di Sydney nel 2005; la Galleria di Arte di Auckland del 2005; al Monash University Museum of Art di Melbourne nel 2005. Fusinato si esibisce regolarmente anche in musica underground e sperimentale, rilasciando molti artefatti musicali su numerose etichette internazionali. Esplora l'idea del rumore come musica, suonando la chitarra elettrica e l'amplificazione per improvvisare frequenze complesse, di ampio respiro e di impatto. È possibile trovare le sue mostre all’Anna Schwartz Gallery di Melbourne.

Vettor Pisani (Bari 1934 – Roma 2011). Nel 1970 Pisani si trasferì a pisaniRoma, dove nella galleria “La Salita” ha tenuto la sua prima mostra, intitolata “Maschile, Femminile e Androgino – Incesto e Cannibalismo in Marcel Duchamp”. La mostra includeva già molti dei temi che l'artista avrebbe perseguito nel corso della sua carriera. Quell'anno vinse il prestigioso Premio Pino Pascali e fece un'altra mostra personale al Castello Svevo di Bari, dove per la prima volta presentò il suo celebre lavoro Lo Scorrevole. L'anno seguente, l'artista prese parte alla sua prima Biennale di Parigi e iniziò una collaborazione con Michelangelo Pistoletto - Plagio - che fu esposto alla Galleria Gian Enzo Sperone di Torino, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte e alla Galleria Marlborough a Roma. Nel 1972, Harald Szeemann lo invitò a partecipare a Documenta 5. Il 1972 fu anche il primo anno in cui prese parte alla Biennale di Venezia, dove sarebbe tornato nel 1976, 1978, 1984, 1986, 1993 e 1995. Ha inoltre segnato l'inizio di una lunga serie di mostre personali e collettive presso istituzioni internazionali (Guggenheim Museum, New York, Hayward Gallery, Londra, Kunstverein e Lenbachhaus, Monaco, Grand Palais, Parigi, Museum Folkwang, Essen, Collezione Peggy Guggenheim, Venezia ; MoMA PS1, New York; Museum of Contemporary Art, Shanghai). Nel 2013, il Museo Madre di Napoli ha organizzato la sua mostra più completa (Eroica / Antieroica: una retrospettiva) e ha pubblicato una monografia completa sul suo lavoro.

Eugenio Viola, PhD, è curatore di mostre e critico d’arte. Attualmente è Senior Curator presso l’Institute of Contemporary Arts di Perth (PICA). Nel 2009 ha iniziato a lavorare come curatore presso il il Museo di Arte Contemporanea di Napoli (MADRE). Dal 2013 è stato responsabile delle ricerche e dello sviluppo della collezione del museo ed ha curato in collaborazione con altri le prime grandi mostre dedicate a Boris Mikhailov e Francis Alÿs, oltre a lavorare al complesso progetto su Daniel Buren. È uno specialista nella teoria e la pratica dell’arte rappresentativa e della Body Art ed ha pubblicato molti lavori e tenuto numerose conferenze sul tema sia in Italia che all’estero.

Un ringraziamento speciale a: Fondazione Morra, Napoli, Italia / Galleria Anna Schwartz, Melbourne.

Inaugurazione della mostra: 25 ottobre 2018, ore 18.00

Ingresso libero. Posti limitati.

Prenotazione obbligatoria: www.eventbrite.com.au 

Informazioni

Data: Da Gio 25 Ott 2018 a Mar 15 Gen 2019

Orario: Alle 06:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Sydney

In collaborazione con : Istituto Italiano di Cultura di Melbourne

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Sydney

Autore:

Istituto Italiano di Cultura, Sydney

1063