Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

ARCH of SYDNEY di Antonio Pio Saracino

Data:

16/10/2019


ARCH of SYDNEY di Antonio Pio Saracino

L’Istituto Italiano di Cultura è lieto di sostenere il progetto Arch of Sydney, un’installazione artistica pubblica a Sydney, progettata da Antonio Pio Saracino, architetto e designer italiano che risiede a New York.

arch of sydney 01Un’esposizione dell’Arch of Sydney sarà presentata presso la Scuola di Architettura dell’Università di Sydney il 16 ottobre, dalle 18:00 alle 20:00, grazie ad una collaborazione tra l’Istituto Italiano di Cultura, la Sydney University, lo Sherman Centre for Culture and Ideas (SCCI) e l’European Australian Business Council (EABC).

Il progetto si presenta come un arco di trionfo, atto a celebrare l’identità variegata e complessa del popolo australiano. Secondo l’autore, l’arco è un elemento emblematico per molte culture, in quanto spesso simboleggia l’abbandono di ciò che è familiare, un portale di accesso ad un futuro sconosciuto ma luminoso. L’opera celebra l’idea di unità e integrazione nella diversità. La forma dell'arco ricorre nella tradizione di molteplici civiltà in tutto il mondo, ma è anche presente in natura, nelle scogliere e nelle insenature delle coste australiane.

Il progetto Arch of Sydney immagina l’arco come una linea del tempo che mette a confronto l’operato umano con il fenomeno naturale della sedimentazione delle rocce, come la stratificazione delle arenarie australiane. L’esposizione, che approfondisce l’idea dell’evoluzione dell’identità nazionale in Australia, trae ispirazione dai complessi flussi migratori e la conseguente integrazione con gli abitanti locali, processi che non sono sempre avvenuti in maniera graduale.

La composizione dell'Arco inizia con la pietra arenaria locale di Sydney, riconoscendo così il popolo Gadigal della nazione Eora come custode originario; nel mezzo dell’opera vengono poi introdotti altri basamenti in pietra di diversi Paesi di tutto il mondo. L'arenaria sedimentaria australiana è dunque stratificata con lastre di marmo, calcare e granito provenienti da Inghilterra, Cina, Italia, Irlanda, India, Sudafrica, Brasile e molti altri. Il risultato è un arco iconico realizzato con pietre provenienti da numerose nazioni e posizioni geografiche: una raccolta di diversità all'interno di un unico complesso unitario.

Antonio Pio Saracino è un architetto e designer italiano di fama internazionale, che si occupa della progettazione di edifici, saracino portraitmonumenti e prodotti. Molti dei suoi lavori fanno parte delle collezioni permanenti del Centre Georges Pompidou di Parigi, del Brooklyn Museum e del Museum of Art and Design di New York, del Los Angeles County Museum of Art, di Los Angeles e del Museum of Applied Arts and Sciences di Sydney. A New York ha progettato il complesso Life, composto da due sculture all'ingresso del New York-Presbyterian, il più grande ospedale della città, e The Guardians, due sculture permanenti all'ingresso di Bryant Park. Il suo lavoro era in una mostra presso la Galleria dell'Accademia a Firenze accanto al David di Michelangelo. Saracino ha ricevuto due American Architecture Awards dal Chicago Museum of Architecture. Il suo lavoro è stato selezionato come parte del padiglione italiano nel mondo per la 54a Biennale di Venezia. Quattro volte vincitore del premio per l'arredamento Future Design di Interior Design, è stato inoltre nominato da ARTnews uno dei 25 trendsetters più interessanti del mondo ed è stato riconosciuto come uno dei dieci migliori architetti italiani da New Italian Blood. Il suo lavoro di design è stato presentato in importanti pubblicazioni internazionali, come il New York Times, il Wall Street Journal, Interior Design, Architectural Digest, Vanity Fair  Vogue.

Inaugurazione della mostra:

Mercoledì 16 ottobre 2019, ore 18.00

Ingresso libero

 

Informazioni

Data: Da Mer 16 Ott 2019 a Ven 18 Ott 2019

Organizzato da : University of Sydney

In collaborazione con : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

University of Sydney, The Wilkinson Bldg G04, 148

1166