Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dalla Sicilia a Peppimenarti, residenze d’artista

Data:

03/10/2019


Dalla Sicilia a Peppimenarti, residenze d’artista

L’Istituto Italiano di Cultura è lieto di presentare un progetto basato sullo scambio di esperienze fra la Sicilia e l’Australia. In particolare, verrà illustrato uno scambio di residenze artistiche avvenuto a luglio scorso tra la Sicilia, presso la Fondazione Brodbeck di Catania e il Museo Palazzo Riso di Palermo, e l’Australia dal 20 settembre al 02 ottobre presso il centro Durrmu Arts, nella comunità aborigena di Peppimenarti, Northern Territory.

Lo scopo del progetto è quello di indirizzare le potenzialità di alcune pratiche culturali innovative - con particolare accento al concetto di Sud globale - in zone remote e/o periferiche tramite per un reale scambio di esperienze culturali tra artisti dei due paesi. Saranno presenti i partecipanti al progetto: Regina Pilawuk Wilson, donna della comunità Ngan’ngikurrungurr, artista e direttrice culturale della Durrmu Arts, Steaphan Paton, artista della nazione Gunai e Montero, che vive a Melbourne, e Giuseppe Lana, artista siciliano che vive e lavora tra Catania e Londra. Il progetto fa parte del dottorato di ricerca di Miriam La Rosa dell’Università di Melbourne ed è stato realizzato in collaborazione con Kade McDonald, direttore esecutivo di Durrmu Arts.

regina pilawuk wilson residency in cataniaRegina Pilawuk Wilson è nata nel 1948 nella regione del fiume Daly, nel Northern Territory. Insieme al marito, Harold Wilson, ha fondato nel 1973 il Peppimenarti (grande roccia) Community come centro permanente del popolo Ngan’gikurrungurr della regione del fiume Daly. Regina ha vinto il Telstra National Indigenous and Torres-Strait Islander Award nel 2003 (categoria General Painting) presentando un dipinto ispirato aalla “syaw” (rete da pesca). I suoi lavori sono esposti all’Art Gallery of New South Wales, alla National Gallery of Victoria, alla Gallery of Modern Art (Queensland Art Gallery), al British Museum e in numerose collezioni private e aziendali in Australia e oltreoceano.

Steaphan Paton è nato a Mildura, in Victoria, 33 anni or sono. Nel 2007 ha conseguito il Baccalaureato in Management Ambientale presso la Deakin University di Melbourne. Nel 2009 ha frequentato un corso operativo di Archeologia presso la Flinders University di Adelaide. Nel 2016 ha ottenuto un Master in Arte Contemporanea presso il Victorian College of the Arts, di Melbourne. Tra i riconoscimenti ottenuti, il Victorian Indigenous Art Awards (Highly Commended - Lin Onus Category) nel 2007 e, nel 2016 il Wyndham Art Prize- Deakin University Bursary Prize e il NGVWA (National Gallery of Victoria Women Association) Award.

Giuseppe Lana (Catania 1979) vive e lavora tra Londra e Catania. Uno dei punti chiave della sua ricerca artistica è la componente paton whiteman premonitionsautobiografica. I lavori si sviluppano come risultato della riflessione sul contesto ambientale che lo circonda e hanno un forte legame con le sue origini e comprendono situazioni, persone o eventi. La sua analisi, spesso politica e antropologica, di determinati luoghi e dei problemi che li assillano, è inoltre espressa attraverso una forte connessione con la loro Storia.

Miriam La Rosa è una curatrice e ricercatrice italiana, attualmente residente in Australia, dove sta completando un PhD in Storia dell’Arte presso l’Università di Melbourne.

Kade McDonald è Executive Director della Durrmu Arts Aboriginal Corporation ed è stat oil Coordinatore del Buku-Larrnggay Mulka Arts and Cultural Centre per 6 anni.

Il progetto gode del supporto dell’Australia Council, dell’Università di Melbourne, della Durrmu Arts Aboriginal Corporation, del Co.As.It di Melbourne e degli Istituti Italiani di Cultura di Sydney e di Melbourne.

Ingresso libero. Posti limitati.

Prenotazione obbligatoria: www.eventbrite.com.au

Informazioni

Data: Gio 3 Ott 2019

Orario: Dalle 18:00 alle 20:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : Durrmu Arts, Australia Council, University of Melbourne, Coasit Melbourne, IIC Melbourne

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Sydney

1156