Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Lezione Sciasciana

Data:

26/08/2022


Lezione Sciasciana

libri sciasciaL’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con la University of New England e la Monash University di Melbourne, è lieto di ospitare presso la sua sede una Lezione Sciasciana dedicata al grande scrittore, giornalista, saggista, drammaturgo, poeta, politico, critico d’arte e insegnante siciliano Leonardo Sciascia, del quale nel 2021 ricorreva il centenario della nascita.

Per celebrare tale ricorrenza il Comitato Nazionale per il Centenario Sciasciano ha progettato un ciclo di Lezioni Sciasciane, appuntamenti che potevano assumere forme diverse (lezioni vere e proprie, seminari, laboratori, letture), avviate in Italia e proseguite quindi nel mondo, in una ideale staffetta che coinvolge realtà e paesi anche molto distanti tra loro, animati dal desiderio di leggere e di rileggere l’opera di Sciascia, in un contesto cosmopolita, di riflettere sulle pagine dell’autore, di avvicinare le generazioni più giovani e il mondo della scuola ai suoi libri, fondamentali per il valore etico e la forza del messaggio civile che contengono. Le Lezioni Sciasciane hanno visto il coinvolgimento del Ministero per gli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e la rete degli Istituti Italiani di Cultura all’estero, delle Ambasciate e dei Consolati Generali, con un intenso programma che continua anche nel 2022. Per ogni Lezione è previsto il coinvolgimento delle Università locali, ma anche di scuole e istituzioni che promuovono lo studio della lingua e della cultura italiana.

La Lezione Sciasciana che si terrà presso l’Istituto Italiano di Cultura di Sydney verrà introdotta in remoto da Valerio Capozzo, Professore Associato di Italiano presso la University of Mississipi e Presidente dell’Associazione Amici di Leonardo Sciascia.

La Dr Giulia Torello-Hill, Senior Lecturer in Italiano presso la University of New England e co-fondatrice del Literary Worlds Research Group, proseguirà quindi a presentare i due interventi:

Dr Barbara Pezzotti (Lecturer in Lingue Europee presso la Monash University di Melbourne):barbara pezzotti

Verità, umorismo e la mafia: da Pirandello a Sciascia

Sciascia considerava Luigi Pirandello il suo capostipite letterario, e dichiarava esplicitamente di voler introdurre il dramma pirandelliano nella narrativa poliziesca (Sciascia e Padovani 88). A ciascuno il suo (1966) è uno dei gialli più famosi di Sciascia in cui un maestro, il professor Laurana, indaga sul duplice omicidio di un farmacista di paese e del suo amico, il dottor Roscio. Una lettura di A ciascuno il suo attraverso la lente della teoria di Pirandello sull'umorismo e del giallo mostra sia come Sciascia fosse in debito verso Pirandello, sia fino a che punto abbia 'tradito' il suo capostipite nel dare una svolta politica all'idea dello scherzo e fornendo una verità finale e inequivocabile e la fine della storia.

annamaria pagliaroDr Annamaria Pagliaro (Senior Research Fellow presso la Monash University di Melbourne):

Leonardo Sciascia e Federico De Roberto sulla narratività della storia

Sciascia, ripudiando il successo de Il Gattopardo, affermò che i Viceré di Federico De Roberto era "dopo I Promessi Sposi, il più grande romanzo che conti la letteratura italiana". (La Repubblica, 14-15 agosto 1977). Questo romanzo, ambientato tra il 1855 e il 1882, offre una costruzione molto soggettiva dell'Unità d'Italia, raccontata attraverso le esperienze e gli interessi personali di una famiglia aristocratica siciliana. Allo stesso modo Sciascia, ne Il Consiglio d'Egitto, ma non solo, esplora i temi che circondano la natura fittizia della narrativa storica attraverso lo spirito inventivo dell'abate Vella e dell’illuminato giacobino rivoluzionario, Francesco Di Blasi. La lettura di questi testi getterà luce sul discorso di Sciascia sulla storia: sulla precarietà della ricostruzione storica, sui suoi limiti e allo stesso tempo sulla forza dei suoi contenuti.

Leonardo Sciascia (8 gennaio 1921 – 20 novembre 1989) è stato uno scrittore, giornalista, saggista, drammaturgo e poeta, masciascia 1 anche politico e insegnante di italiano, nonché critico d'arte, Sciascia ha ricoperto moltissimi ruoli grazie al suo spirito libero e anticonformista, criticando, impietoso, il suo tempo e affermandosi come una delle più grandi figure del Novecento italiano. È stato anche il primo scrittore che ha raccontato il fenomeno mafioso in libri come Il giorno della civetta o A ciascuno il suo. Alcuni dei suoi libro sono diventati film di successo quali Il giorno della civetta (1968), Cadaveri eccellenti, Todo modo (1976) e Porte aperte (1990). Leonardo Sciascia era anche animato da un’enorme passione politica, senza tuttavia mai allinearsi o integrarsi completamente un partito. Nonostante questo, diventa prima consigliere comunale a Palermo (1975-1977) per il Partito Comunista Italiano. All'inizio del 1977 si dimette dalla carica di consigliere del Partito Comunista Italiano perché contrario al compromesso storico. Alcune sue posizioni estreme lo portano a scontrarsi con la dirigenza del PCI. Dal 1979 al 1983 è deputato in Parlamento per il Partito Radicale. Infine simpatizza per il Partito Socialista.

La lezione si terrà in INGLESE.

Ingresso libero. Posti limitati.

Prenotazione obbligatoria: www.eventbrite.com.au  

Informazioni

Data: Ven 26 Ago 2022

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : University of New England - Monash University

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1369