Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Chi siamo

 

Chi siamo

L'Istituto Italiano di Cultura di Sydney, organismo ufficiale dello Stato italiano, ha quale obiettivo quello di promuovere e di diffondere la lingua e la cultura italiana in Australia e Nuova Zelanda attraverso l'organizzazione di eventi culturali per favorire la circolazione delle idee, delle arti e delle scienze.

L'Istituto Italiano di Cultura di Sydney offre al pubblico australiano i seguenti servizi:

  • corsi di lingua e civiltà italiana tenuti da docenti qualificati di madrelingua
  • due sessioni annuali di esami per ottenere il diploma di conoscenza della lingua italiana come lingua straniera
  • una Biblioteca italiana a disposizione dei soci dell’Istituto e degli studenti iscritti ai corsi di italiano per la consultazione e il prestito di libri, videocassette, CD, DVD, riviste e giornali italiani
  • servizio di informazione e documentazione sull’Italia nel campo culturale

Per le manifestazioni concertistiche, per alcune mostre d'arte e per gli eventi di maggior respiro, l'Istituto si avvale della collaborazione:

  • di istituzioni artistiche e museali locali quali l’Art Gallery of NSW, il Powerhouse Museum, il Museum of Contemporary Art e la Sydney Biennale
  • di istituzioni musicali quali Musicaviva Australia, l’Australian Chamber Orchestra e la Sydney Symphony Orchestra
  • degli enti culturali dell’Unione Europea quali il British Council, il Goethe Institut e l’Alliance Française
  • dei Dipartimenti di Italiano delle Università situte nella sua giurisdizione e di enti italiani quali il Co.As.It., la Dante Alighieri Society e l’Italian Forum

e in generale di numerose Istituzioni dipendenti dal Ministero delle Arti del Nuovo Galles del Sud e dal Comune di Sydney.

Tra i principali Festival cui l'Istituto è solito partecipare attivamente e regolarmente si annoverano il Sydney Festival, l’Italian Film Festival e il Sydney Italian Festival in collaborazione con l’Istituto del Commercio con l’Estero e la Camera di Commercio Italiana.


34