Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione Culturale

 

Cooperazione Culturale
L’8 gennaio 1975 l’Italia e l’Australia hanno firmato un Accordo Culturale che aveva lo scopo di contribuire al rafforzamento dei rapporti d’amicizia fra i due paesi e all’ulteriore sviluppo degli scambi culturali ed accademici tra l’Italia e l’Australia e i rispettivi cittadini.
Da allora l’Accordo è stato sottoposto a revisione ogni quattro anni. In seguito all’ultima revisione, che è stata effettuata a Canberra fra il 9 e l’11 novembre 1994, le due parti hanno concordato un Programma di Cooperazione Culturale per gli anni 1995-1998.


Il X Programma di Cooperazione Culturale

L’attuale Programma di Cooperazione Culturale riconosce i legami di cultura e tradizione che esistono tra i due paesi e la consistente presenza in Australia di australiani di origine italiana.
Nel Programma viene sottolineato che la parte australiana riconosce il prezioso contributo che le associazioni e i gruppi comunitari italo-australiani danno all’arricchimento della vita culturale e sociale australiana e allo sviluppo economico del paese.

Il Governo italiano sottolinea l’importanza della sempre crescente diffusione della lingua e cultura italiane in Australia, non solo per la salvaguardia dell’eredità culturale della comunità italiana, ma anche in vista del mantenimento del ruolo dell’italiano come lingua di cultura, che può contribuire alla crescita e allo sviluppo della nazione australiana.

Le due parti hanno inoltre confermato il loro interesse nel cooperare al fine di migliorare e promuovere la propria immagine nell’altro paese in modo da mantenere ed espandere la conoscenza dei contemporanei delle caratteristiche socio-culturali di entrambi i paesi ed incrementare, fra gli altri, gli scambi di informazione, le visite di giornalisti, imprese editoriali e mostre.

Accordo Cinematografico

L’Accordo Italo-Australiano per la Cinematografia è stato firmato a Roma il 28 giugno 1993 ed è in vigore dal 12 dicembre 1996. Il fine dell’Accordo è la facilitazione della produzione di film che per il loro valore artistico e tecnico possano contribuire allo sviluppo delle relazioni culturali e commerciali fra i due paesi ed essere competitivi in entrambe le nazioni.

Il cinema australiano sta ricevendo sempre maggiori riconoscimenti grazie a produzioni cinematografiche di notevole qualità ed altamente creative, e sussiste un crescente interesse da parte delle industrie cinematografiche italiane ed internazionali nel realizzare produzioni cinematografiche in Australia. Si può pertanto affermare che dal punto di vista della facilitazione della cooperazione bilaterale nel campo cinematografico, l’entrata in vigore dell’Accordo segnala un momento di particolare importanza.

65