Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Antenna Documentary Film Festival

Antenna 2024_ (002)

L’Istituto Italiano di Cultura di Sydney conferma anche per l’edizione 2024 una collaborazione ormai consolidata, quella con l’Antenna Documentary Film Festival, che ritorna con una programmazione quanto mai ricca e variegata: ben 52 avvincenti documentari che celebrano le storie di vita di artisti famosi, si immergono nei conflitti più urgenti del mondo, esplorano regni inesplorati nell’universo virtuale, immergono in drammi misteriosi tanto più strani in quanto reali.

Si tratta di una collaborazione ormai decennale che nel corso degli anni ha visto la partecipazione di alcuni dei migliori lungometraggi documentaristici diretti da registi italiani o prodotti in Italia, tra i quali spicca la partecipazione di Happy Winter di Giovanni Totaro, vincitore dell’edizione 2018.

Per questa edizione di Antenna, l’Istituto ha il piacere di presentare il recentissimo lungometraggio Sconosciuti puri (Pure Unknown) di Valentina Cicogna e Mattia Colombo (2023).

Sconosciuti puri: Ogni notte nella sala autoptica dove lavora, la dottoressa Cristina Cattaneo, medico legale e docente all’Università di Milano, incontra quelli che lei chiama “Sconosciuti Puri”, persone che in vita erano ai margini della società e che nella morte non sono riuscite a portare con sé il ricordo di un nome o di una storia. Persone che si sono lasciate alle spalle chi avrebbe potuto restituirgli un’identità, corpi senza un nome. Gli Sconosciuti Puri appartengono ai margini della società. Sono senzatetto, prostitute, adolescenti in fuga. Negli ultimi anni soprattutto migranti, respinti dal Mar Mediterraneo sulle coste italiane. E cosa succede quando i morti hanno perso la loro identità? Di fronte a questa moltitudine crescente, nessuno sembra preoccuparsi del loro diritto alla dignità. I registi Cicogna e Colombo seguono Cattaneo nella battaglia etica che l’ha portata davanti al Parlamento Europeo a chiedere che il diritto al nome venga riconosciuto come tale. Prendersi cura dei morti è una responsabilità di cui la società si deve fare carico per non cadere nel baratro dell’indifferenza.

Informazioni e prenotazioni: https://antennafestival.org/

 

  • Organizzato da: Antenna Documentary Film Festival
  • In collaborazione con: Istituto Italiano di Cultura